logo
migliori offerte lavoro
Bookmarky! Excite Bookmarks! Digg! Reddit! Del.icio.us! Google! COMMON_SENDTOFRIEND_IMG_ALT

Categorie di lavoro: mansioni e qualifica

http://media.bd-farm.com/img/it/www.migliori-offerte-lavoro.it/news/big_7075_0.jpg

Avendo già esaminato in altri articoli l'oggetto del contratto di lavoro in generale, in questa sede tratteremo dell'oggetto dell'attività lavorativa. Vale a dire gli istituti e le mansioni inerenti ad essa, quali categorie e qualifiche. Per mansioni s'intende l'insieme dei compiti concreti che il lavoratore è chiamato a svolgere e che il datore di lavoro ha il diritto di pretendere. Come stabilito al momento dell'assunzione in base al principio di contrattualità delle mansioni e della qualifica. Articolo 2103 c.c.e articolo 96 disp. att. cc.

Per quanto riguarda la qualifica, invece, essa serve a definire lo status professionale del lavoratore. Che tipo di ruolo svolgerà all'interno dell'organizzazione imprenditoriale. La qualifica è importante non solo in tema di trattamento normativo e previdenziale, ma anche per limitare il potere del datore di lavoro. Questi non potrà infatti pretendere lo svolgimento di mansioni differenti da quelle afferenti alla qualifica del lavoratore.

Le categorie di lavoro vengono classificate in vari profili professionali, definiti dalla legge e dai contratti collettivi di categoria. Da questi ultimi hanno origine le categorie contrattuali, tra le quali spiccano gli 'intermedi', categoria che include i capo-operai e i funzionari, e la categoria con funzioni direttive, in particolare nel settore assicurativo e creditizio.

L'articolo 2095 c.c della legge n.190/1985, famosa per aver introdotto i cosiddetti 'quadri', si incarica invece di individuare le categorie legali. Tale legge ha suddiviso in quattro tipologie distinte le categorie dei lavoratori subordinati, in ordine decrescente di importanza e di retribuzione: dirigenti, quadri, impiegati e operai.