logo
migliori offerte lavoro

Contratti part time: orizzontale, verticale o misto

http://media.bd-farm.com/img/it/www.migliori-offerte-lavoro.it/news/big_7047_0.jpg


Le profonde trasformazioni del mercato del lavoro intervenute negli ultimi anni, soprattutto in seguito alla crisi economica, stanno provocando la fine dei contratti a tempo indeterminato a favore di forme contrattuali più flessibili, quale ad esempio il contratto part time.

Viene considerato part time quel contratto di lavoro con un orario ridotto rispetto a quello completo, stabilito per legge in 40 ore la settimana. Nel 2000 viene recepita dalla legislazione italiana in materia la normativa europea volta a incentivare tale forme contrattuali, garantendo però ai lavoratori part time il cosiddetto principio di non discriminazione rispetto ai loro colleghi a tempo pieno.

Successivamente, con il decreto 276 del 2003, la normativa sul contratto part time è stata notevolmente peggiorata, soprattutto per quanto riguarda le garanzie ai lavoratori. La normativa vigente, ad esempio, consente alla contrattazione aziendale di regolamentare istituti delicati quali le maggiorazioni retributive o la distribuzione dell'orario di lavoro.

In quest'ultimo senso, si conoscono tre principali tipologie di lavoro part time: orizzontale, verticale e misto. Del primo tipo sono quei rapporti di lavoro in cui la riduzione dell'orario si riferisce a quello normale giornaliero. Ad esempio, 4 ore al posto delle canoniche 7 ore e 30 minuti. Il part time verticale sta invece a significare un'attività lavorativa svolta giornalmente a tempo pieno ma non tutti i giorni della settimana. La terza tipologia, infine, è un misto delle due precedenti.

Bookmarky! Excite Bookmarks! Digg! Reddit! Del.icio.us! Google! COMMON_SENDTOFRIEND_IMG_ALT

Newsletter

Cancellati